The tradition of Christmas decorations in Germany

La tradizione delle decorazioni natalizie in Germania

Europa

Che il Natale sia un momento atteso da molti e che la sua atmosfera sia magica è innegabile. Tuttavia, si sa poco sull’origine di tali tradizioni e la Germania è presente su questo argomento.

Il 24 dicembre si festeggia la vita del bambino Gesù, il giorno della sua nascita, e per prepararsi a questa data speciale si danno il via ai caratteristici addobbi.

Chi ha ideato il primo presepe?

Il presepe è uno di questi simboli del Natale, poiché rappresenta la scena della nascita di Gesù bambino, motivo principale per festeggiare questo giorno. Questa tradizione emerse nel 1223, attraverso San Francesco d'Assisi, quando chiese al Papa il permesso di poter rappresentare questa celebrazione in modo molto vivace e realistico. Dopo autorizzato. San Francesco allestì un presepe di paglia, con l'immagine di Gesù Bambino, della Madonna e di San Giuseppe, e vi aggiunse un bue, un asinello e diversi altri animali veri, e poi fu celebrata la messa di Natale.

Nella città di Oberammergau ogni anno viene rappresentata la Passione di Cristo, Passionsspiele, e c'è un forte coinvolgimento della comunità nella perpetuazione di queste tradizioni. Oberammergau è conosciuta anche per i suoi magnifici presepi in legno intagliato, pezzi unici e incredibili che si trovano in alcuni negozi locali, che rappresentano un'ottima opzione per un regalo e un souvenir molto originale e speciale.

Il presepe di Oberammergau illumina la nostra casa

Alberi di Natale, quando sono comparsi?

Nell'VIII secolo, la Germania era ancora in gran parte dominata dal paganesimo dei popoli germanici e celtici, quando Papa Gregorio III inviò San Bonifacio a diffondere il cristianesimo in quella regione.

Nel 723 esisteva, nei pressi di Fritzlar, una grande quercia dedicata al dio pagano Thor, venerato dal popolo celeste e dai sacerdoti (druidi). San Bonifacio, volendo dimostrare loro che si trattava di un albero, come tutti gli altri, lo abbatté e tutto ciò che si trovava sulla via della caduta della quercia fu distrutto, ad eccezione di un piccolo pino. San Bonifacio vide in questo episodio un miracolo, poiché avvenne durante il Tempo di Avvento (in questo post parleremo più avanti dell'Avvento).

San Bonifacio, poi, predicando sul Natale, dopo che avvenne il miracolo, dichiarò: “D'ora in poi chiameremo quest'albero l'Albero di Gesù Bambino”. E da allora in poi la tradizione è continuata, con i pini adornati come uno dei più grandi simboli del Natale in tutto il mondo.

Mercatino di Natale a Dortmund, con il tradizionale grande albero di Natale addobbato.

Il miglior negozio di Natale: Käthe Wohlfahrt

Quando si parla di decorazioni natalizie in Germania, il negozio Käthe Wohlfahrt è un'icona. Fondato nel 1964 dalla coppia Wilhelm e Käthe Wohlfahrt, il negozio è diventato un punto di riferimento per addobbi e decorazioni natalizie di grande qualità e bellezza. Nei loro punti vendita la magia del Natale si rinnova ogni giorno, durante tutto l'anno.

Puoi trovare il negozio in diverse città della Germania: Bamberga, Norimberga, Berlino, Oberammergau, Rudesheim, Heidelberg e Miltenberg. Tuttavia, Rothenburg ob der Tauber è la preferita della catena, essendo la sede del suo primo negozio, dove si trovano l'incredibile Villaggio di Natale e il Museo di Natale.

Il negozio ha franchising anche in altri paesi in Europa e negli Stati Uniti d'America.

Il Villaggio di Natale all'interno del negozio Käthe Wohlfahrt a Rothenburg ob der Tauber.

Calendario dell'avvento

Il tempo dell'Avvento corrisponde alle quattro settimane prima del Natale e questo periodo è simboleggiato dalla gioia, dalla preparazione e dall'attesa dei fedeli per la nascita di Cristo. La prima domenica di Avvento è il giorno in cui iniziano i preparativi per il Natale, comprese le decorazioni natalizie.

I tedeschi però hanno trovato un modo creativo e affascinante per realizzare questo meraviglioso conto alla rovescia: il calendario dell’avvento. Forse hai già visto quel calendario di Natale dove ogni giorno si apre una “finestrina” che svela una piccola sorpresa, come simboli natalizi, biscotti, cioccolatini o anche frasi bibliche.

Le origini dei calendari dell'Avvento risalgono al XIX secolo, quando le famiglie religiose tracciavano piccole linee su porte e muri per contare i giorni fino a Natale. Secondo quanto sappiamo, solo nel 1851 fu realizzato il primo calendario dell'Avvento in legno intagliato a mano.

Sebbene esista più di una tendenza, la più accreditata è che Gerhard Lang, nel 1908, fu colui che stampò il primo calendario dell'Avvento, che poi migliorò con i primi calendari con le porte da aprire ogni giorno. Purtroppo, con l’arrivo della seconda guerra mondiale, Lang dovette interrompere la produzione.

Tuttavia, dopo la guerra, questo successo della tradizione tedesca tornò e Richard Sellmer fu responsabile della stampa della prima copia del dopoguerra, nel 1946. Questo calendario fu una pietra miliare e fu chiamato “La piccola città“, che è ancora disponibile per l'acquisto oggi presso Sellmer Verlag, è un riferimento in questo segmento.

Parte del calendario dell'Avvento “Little Town”, venduto presso Sellmer Verlag.

Un altro modo per celebrare l'arrivo di questo periodo tanto atteso è con la corona dell'Avvento. Decorato secondo il gusto di chi lo monta, è importante avere quattro candele, una delle quali verrà accesa ogni domenica e potrà essere accompagnata dalla lettura di un brano della Bibbia. Alcune persone aggiungono una quinta candela bianca al centro, chiamata candela. Candela di Cristoaccesa la vigilia di Natale.

Corona dell'Avvento.

Per visite guidate private in tutta Germania, Austria, Svizzera e Italia, contattateci! Tutti i nostri tour sono personalizzati, dove la guida avrà la flessibilità di portare i viaggiatori nei punti secondo i loro gusti e desideri!

  • Viaggi privati ​​e personalizzati
  • Consulenza di viaggio
  • Visita guidata
  • Trasferimenti e Ricevimenti
  • Esperienze di viaggio
  • Alloggi personalizzati con il servizio Habitat