L'incredibile mondo di Faber-Castell - Intervista a Travel Germany

L’incredibile mondo di Faber-Castell – Intervista a Travel Germany

Europa

Su qualsiasi pezzo di carta disegno un sole giallo…” Chi non ricorda quello straordinario spot televisivo degli anni ’90? La voce di Toquinho ci accompagna con i disegni in movimento attraverso un viaggio di colori e fantasia, che farebbe desiderare a qualsiasi bambino – e anche ad adulto – gli astucci Faber-Castell.

Ed è qui, in Germania, nella città di Stein, vicino a Norimberga, che tutta la storia delle matite più famose al mondo ha inizio, nel lontano XVIII secolo, con l'artigiano Kaspar Faber. Su invito di Faber-Castell Germania, abbiamo visitato il museo e il palazzo Faber-Castell e l'ex produzione di matite. Siamo stati accolti molto bene e abbiamo organizzato una visita guidata esclusiva, nella quale abbiamo imparato molto sulla storia di Faber-Castell e sulla famiglia che ha creato l'azienda e continua a gestirla oggi.

La nostra visita ai musei Faber-Castell in Germania. Sullo sfondo, la vecchia fabbrica di matite, dove è nata l'azienda.

1 – Da quando esiste l’azienda?

Gli inizi di Faber-Castell risalgono al 1761 con Kaspar Faber, un artigiano di Langenzenn, che produceva matite fatte a mano nella vicina città di Stein, vicino a Norimberga. Kaspar è stato colui che ha dato inizio a tutto, era la prima generazione. Il nome Faber-Castell come lo conosciamo oggi deriva dal matrimonio di Ottilie von Faber (sesta generazione della famiglia) con il conte Alexander zu Castell-Rüdenhausen, un membro dell'aristocrazia. Fino ad allora l'azienda era conosciuta solo come AW Faber, secondo Anton Wilhelm Faber, figlio di Kaspar.

Il Palazzo Faber-Castell

2 – Perchè il nome Faber-Castell? La famiglia Castell detiene ancora titoli nobiliari?

La famiglia Faber, si potrebbe dire, ha costruito il proprio nome e la propria fortuna con il duro lavoro. Raggiunsero successo e prestigio in questo business, ma non erano né membri né discendenti di una famiglia nobile. Grazie ai suoi servizi al mondo degli affari e degli affari sociali, il barone Lothar von Faber divenne un pari a vita e fu elevato alla nobiltà ereditaria nel 1881.

La scalinata all'ingresso del palazzo Faber-Castell. Oggi il palazzo è un museo dedicato alla storia dell'azienda.

Nel 1898 Ottilie, nipote del barone Lothar von Faber (quarta generazione), sposò Alexander, un membro della famiglia aristocratica di Castell-Rüdenhausen. Prima della sua morte nel 1896, Lothar, un uomo già di grande successo nella sua attività, aveva stabilito che i suoi discendenti portassero avanti il ​​nome dell'azienda e anche il nome della famiglia Faber. È così che sono stati uniti i nomi Faber e Castell.

Alexander e Ottilie – il palazzo che oggi conosciamo come castello Faber-Castell fu utilizzato come residenza della coppia all'inizio del XX secolo

3 – Come ha fatto l’azienda a diventare un riferimento mondiale per matite e articoli di cancelleria?

Molto si deve al barone Lothar von Faber che, a metà del XIX secolo, fece della sua missione personale quella di elevare l’azienda e i suoi prodotti “alla posizione più alta, realizzando quanto di meglio si possa produrre al mondo”. Aveva un occhio acuto per gli affari e il marketing, che allora non si chiamava nemmeno così. Alcune cose che possono essere attribuite a Lothar sono, ad esempio, la creazione di bellissimi astucci per attirare i consumatori. A quel tempo, le matite straniere erano i maggiori concorrenti dei prodotti Faber. Pertanto, aveva in mente di concentrarsi sulla qualità del prodotto, sulla percezione del consumatore quando vede per la prima volta un astuccio AW Faber.

L'attenzione alla qualità dei prodotti e alla presentazione – la gioia del consumatore: un concetto di cui oggi si parla tanto nel marketing, veniva portato avanti già nel XIX secolo da Lothar von Faber

Ha spinto AW Faber a livello globale, nella produzione, nella distribuzione e nella reputazione. Fu anche il primo imprenditore al mondo a occuparsi di marchi (Tutela del marchio) e scrisse una lettera al parlamento tedesco a Berlino per ottenerlo. Il nome AW Faber è il più antico marchio registrato attivo negli Stati Uniti. Il barone Lothar von Faber sapeva quanto fosse importante per l'azienda raggiungere questa posizione internazionale, mantenendo la qualità dei prodotti e mantenendo l'attività all'interno della famiglia, coinvolgendo i suoi fratelli negli affari dell'azienda e lavorando per garantire alle aziende un futuro alle prossime generazioni.

Le confezioni Faber-Castell della fine del XIX secolo presentavano illustrazioni di diverse culture e regioni del mondo. Così, i suoi consumatori hanno scoperto luoghi in cui non potevano viaggiare, in una forma primitiva di Instagram, come molto ben analizzato dalla nostra guida.

Domande sui follower di Instagram

4 – Faber-Castell utilizza legno proveniente dalle foreste brasiliane? Ci sono aree di riforestazione in Brasile?

Sì. A Prata, Minas Gerais. Faber-Castell utilizza anche l'82% di energia rinnovabile, come le turbine idrauliche nella produzione a Stein, in Germania. L'azienda è inoltre molto preoccupata per la riforestazione e la biodiversità nelle aree in cui il legno viene utilizzato per le sue matite.

5 – Esiste un museo in Germania dove possiamo conoscere la storia dell’azienda e con attività per bambini?

Chiaro! A Stein, vicino a Norimberga, potete visitare il castello Faber-Castell, che all'inizio del XX secolo fu la residenza della famiglia. Anche la produzione è vicina, nello stesso luogo in cui iniziò Kaspar Faber, nel XVIII secolo. I visitatori possono godersi una visita al castello, nel museo “Altre miniere” (vecchie miniere) e produzione, e scopri di più sulla storia dell'azienda, su come vengono prodotte le matite, ecc.

Oltre al palazzo Faber-Castell, è possibile visitare anche il museo dell'antica fabbrica, dall'altra parte del viale.
Imparare come è stata realizzata una matita a mano. Hai mai tenuto un'intera miniera di grafite come questa? Al museo Faber-Castell potrete vivere questa esperienza.

6 – Dove si trova la produzione Faber-Castell?

In molti paesi. Germania, Brasile, Perù, Indonesia, Austria, Stati Uniti, Malesia, Colombia, Cina e India.

7 – Come è stata inventata la matita?

L'uso di una bacchetta di piombo come strumento di scrittura risale all'Antico Egitto. Tuttavia la matita come la conosciamo oggi, con la mina all'interno della struttura in legno, deve essere qualcosa di tempi più recenti. Nella mostra al museo Faber-Castell è conservata la matita più antica (foto qui sotto), del XVII secolo, ritrovato all'interno di un edificio in Germania.

Le domande successive sono state inviate da bambini brasiliani di età compresa tra 7 e 11 anni.

Domanda di Valentina, 11 anni

8 – Come immagina l’azienda l’utilizzo futuro di matite, penne e prodotti scolastici?

Bene, ora c'è Repaper, la tavoletta grafica di carta di Faber-Castell, ovvero una tavoletta su cui puoi scrivere o disegnare, mantenendo la sensazione della scrittura a mano, del disegno a mano, ma con la possibilità di trasferire il contenuto digitalmente, sia sul tuo smartphone o computer.

Il negozio all'esterno del museo Faber-Castell – sopra, il Repaper, il tablet che dà la sensazione di scrivere su carta

Domanda di Helena, 9 anni

9 – Come vengono prodotte le matite? Come si trasforma il legno in matite?

Beh, è ​​un processo lungo, fatto quasi al 100% a mano. È importante assicurarsi che le mine non si rompano all'interno del corpo della matita in legno, che i colori siano miscelati con precisione per mantenere un motivo e così via. Conosci i punti antiscivolo della matita Grip 2001 HB? Quindi, questo è uno dei tanti dettagli di cui bisogna occuparsi durante la produzione. In questo video il procedimento è molto ben illustrato.

Domanda di Luisa, 6

11 – Come vengono realizzate le matite colorate?

Dipende dalla miniera. Che si tratti di miniere di grafite o di miniere colorate, nella produzione di mine colorate vengono utilizzati pigmenti di alta qualità, derivati ​​della cellulosa (un tipo di pasta per carta da parati) e caolinite (un minerale argilloso utilizzato anche nella fabbricazione della porcellana) che vengono mescolati insieme.

Le fasi di taglio del legno fino a farlo diventare il corpo della matita. La visita guidata è eccellente, molto ben spiegata e illustrata.

La massa viene posta a bassa pressione attraverso un ugello per formare le trincee per le miniere. Le mine colorate non vengono bruciate poiché i pigmenti colorati verrebbero distrutti durante la combustione, le mine colorate sono più morbide e più sensibili delle mine in grafite. Per renderle più stabili, il diametro della mina colorata è maggiore di quello della mina di grafite.

Anche chi non sa disegnare vorrà avere una scatola come questa. 🙂
Una delizia per chi ama le penne e gli articoli di cancelleria.